03 ottobre, 2006

Misunderstanding

È appena uscita la donna delle pulizie cinese. Costa la bellezza di 2,40 € per tre ore. E lavora pure bene. Mi sento un po’ una schiavista, ma se la tariffa richiesta è questa… tra l’altro non si veste neppure male e ha il cellulare come il mio, quindi penso non stia proprio male. È una donnina precisa, delicata, molto sorridente, come la maggioranza dei cinesi. Che però, per un nonnulla, diventano aggressivi, parlano ad alta voce e gesticolano come dei pazzi. Ieri ho filmato di nascosto un tassista che non riusciva a capire l’indirizzo in cui volevamo andare (devo assolutamente trovare il modo di postarlo sul blog, era fantastico)… All'inizio ero quasi spaventata, poi mi sono resa conto che cercava solo di chiedere altre spiegazioni.
Purtroppo l’handicap della lingua (noi che non capiamo il cinese e loro che non parlano l’inglese) pesa davvero tanto nella vita quotidiana. Ad es.: l’altro giorno ero in un supermercato occidentalissimo (per i loro canoni) e stavo cercando un latte detergente. Ho chiesto indicazioni alla commessa, prima facendo il gesto di pulire la faccia, poi provando a dirle “something to demake-up”. Lei mi tira fuori una crema con la faccia sorridente di chi ha perfettamente capito che cosa voglio e se ne va. Siccome c’erano più tubetti di quel tipo ma in colori diversi ho pensato cambiasse la profumazione. Intuizione geniale ('na volta tanto): ne apro uno per annusare. Indovinate cos'era?
Al fortunato vincitore un premio a scelta tra: un gadget cinese a sorpresa, un rifornimento di noodles liofilizzati (vari condimenti a discrezione della giuria) o, se il vincitore è uno dei due Marti, una copia del libretto rosso di Mao.

15 commenti:

Vito ha detto...

Ciao Laura.
Ho visto che te la spassi in Cina! Bella casa.. Gran Premio di Formula 1... etc. etc.
Ti scrivo solo perchè voglio vincere il gadget cinese (scherzo!)però voglio provare a darti la risposta: secondo me ti hanno dato una crema colorata che i cinesi usano per dipingersi la faccia durante il loro carnevale... (ho avuto abbastanza fantasia?)
Saluti
Vito

Giulia K. ha detto...

lo sai che anche qui ci sono i noodles liofilizzati. Il mio coinquilino mangia quelli super spicy. Che schifo. Secondo me sono ombretti in pasta. Ciao Lauretta. Stamattina ho un pò di ansia da prestazione.

eltorodeoro ha detto...

sicuramente era crema spermicida,ho vinto?

mariasolina ha detto...

lo so io lo so io!!! era cerone bianco per travestirti da geisha per la gioia del buon cachi!!!!o no...?

Anonimo ha detto...

crema depilatoria.....
Hei gioia, vedo che ti stai ambientando e, non avendo sentito lamentarti per il jet leg, immagino tu l'abbia ammortizzato con un certo successo!
Ti mando un bacio!

Anonimo ha detto...

Ho dimenticato, il mess sopra è di enrica

Madame ha detto...

Non ci siete ancora raga... è molto meno complicato. Un aiutino: se l'avessi usato sarebbe stato assai deleterio per ciglia e sopracciglia. E mi avrebbe fottuto anche gli occhi, probabilmente. Dài...

Madame ha detto...

siii... enrica hai indovinatooooo ma non avevo ancora letto il tuo messaggino. l'abbiamo scritto insieme! Che premio desideri? il libretto rosso potrebbe andare bene anche per te, effettivamente

Orson Welles ha detto...

Chérie,
finalmente ho trovato THE LADY FROM SHANGHAI!
Vorrei anch'io un souvenir dal tuo viaggio, anche se non ho indovinato cosa contenesse la merdeuse canette o tube de pommade. Lo sai, sono un disastro per le grandi questioni d'attualità.
Ieri ero a Bruxelles. E brava la mia petite! Ho mangiato così tanto al Falstaff che à la place de la bourse mi sono coricato sopra una bella bionda. Ottima la birra quando si è ubriachi!
Prima di Bruxelles mi sono concesso una serata d'autunno a Central Park, dove mi è capitata l'occasione di salvare da un'aggressione Elsa, moglie di un celebre avvocato... Ma questa è un'altra storia.
Tuo ORSON WELLES

ORSON WELLES ha detto...

Cara Laura,
ora sono al giornale, consacrato ai miei amati libri, mentre le altre redazioni sono occupate a capire qualcosa su cosa è successo al volo dirottato oggi sui cieli italiani...
A proposito di libri (complimenti per il tuo profilo dove ho ritrovato Anna Karenina) ti segnalo alcuni libri appena usciti che dovrebbero fare la tua felicità. Ad esempio, scusa il giuoco di parole, "ARCHITETTURA E FELICITA'" di Alain de Botton, uscito a fine settembre (Guanda); 69 di Anonimo (Bompiani) una vera cazzata sul sesso, ma dopo le ultime letture - tu sai quali - l'editoria è senza confini; a fine estate è uscito di Walter Tevis, "L'UOMO CHE CADDE SULLA TERRA" (Minimum fax), un bellissimo libro che dovresti leggere... A settembre sono usciti anche Agota Kristof, "DOVE SEI MATHIAS?" (Casagrande) e un grande saggio di Marco Dotti, "LUCE NERA. STRINDBERG, PAULHAN, ARTAUD E L'ESPERIENZA DELLA MATERIA" (Medusa). Per ultimo, ti ricordo un autore amante del whisky come il sottoscritto: il geniale Boris Vian. Del francese è appena uscito "IL PRETE BAGNANTE E ALTRI RACCONTI INEDITI" (Stampa alternativa). Bene, mi sembra d'averti tenuto un po' di compagnia. Ti abbraccio e sono sempre il tuo
ORSON

Madame ha detto...

Orson, ma come?! Agotha Kristof ha pubblicato un altro romanzo? Non aveva dichiarato di non riuscire più a scrivere e di aver lasciato incompiuta la sua ultima opera ? Eccheccavolo, non lo sapevo... avrei potuto prenderlo prima di partire: ora mi tocca aspettare fino a Natale!
Terrò a mente anche gli altri titoli. Tranne 69, a meno che non arrivi come cadeau della redazione de ISVQO...

Anonimo ha detto...

La mia intuizione è davvero avanti anni luce....e se in sostituzione del libretto rosso preferissi uno di quei meravigliosi ventagli di carta da gheisha??? ho intenzione di lanciarmi verso nuovi orizonti...
e poi oggi è il tuo compleanno, fai la generosa visto che non puoi nemmeno pagar da bere!!!!
Tanti auguri!!!!

enrica ha detto...

uffi, che palle con sta storia dell?"un anonimo ha detto.." sono sempre io, enrica

Madame ha detto...

Grazie Sbà!!!
Una geisha con gli occhi azzurri come i tuoi potrebbe tirare da matti, ma non so se in Cina ci sono i ventagli da geisha. Dovrei vedere...

Alessia ha detto...

Ciao Laura!

Inutile chiederti "come va?"...e' gia' tutto spiegato nel dettaglio nel tuo blog!
Ma non ti sei cagata almeno un po' addosso quando le cinesine di hanno portato in quei palazzi semi-abbandonati?? Sara' che ho visto troppi thriller...

Bacioni

P.S. buon compleanno anche se in ritardo!